Conoscete la sindrome Nimby? Nimby sta per ‘not in my back yard’, tradotto, non nel mio cortile. Significa opporre resistenza per quelle opere che, se vicino a casa propria, possono avere un impatto negativo sull’ambiente. Tipo le centrali nucleari. In Italia no, meglio in Francia. Le discariche? Meglio nel comune vicino. Un atteggiamento insomma di aperta condanna verso opere o infrastrutture che possono deturpare l’ambiente. Il nostro. Se però le opere vengono realizzate nel cortile del vicino, allora nessun problema, l’importante che il nostro territorio sia salvo. Ecco, quello che è successo con gli emendamenti all’Italicum sulle quote rosa mi ricorda la sindrome Nimby. Giovedì scorso al senato si è votata la doppia preferenza di genere sulla legge elettorale per le elezioni Europee. Come dire, nel cortile del Parlamento Europeo, a una ragionevole distanza, le quote vanno benissimo. Da noi proprio no.