Scrive Rubina: Ho letto con molto interesse le utili riflessioni riportate sul blog ma non riesco ad essere serena e a trovare e condividere un’esperienza simile alla mia: è vero che i sensi di colpa e le preoccupazioni appartengono più alle mamme che non ai figli ma sarà vero che non ci sono ripercussioni? Vi illustro il mio caso chiedendovi eventualmente di mettermi in contatto con qualche donna manager che vive un’esperienza simile. Dopo la nascita di mia figlia nel 2009 ho continuato a fare l’export manager ancora per i suoi primi due anni di vita: io lontana per diversi giorni e mio marito e la tata a fare i salti mortali. Ho sperimentato una pausa di oltre due anni complice la crisi aziendale e adesso mi ritrovo a ripartire per l’unico mestiere che so fare e per cui ho totale passione. In questo caso la situazione è ancora più complicata: non solo viaggerò spesso all’estero ma mi è chiesto pure un trasferimento dall’Italia alla Francia. Non voglio rinunciare, la mia bimba ha quasi 5 anni ma ho un forte senso di colpa che mi dilania e sicuramente qualche vostro suggerimento o indicazione mi sarà d’aiuto. Grazie

Certamente qualcuna di voi avrà parole per mitigare il senso di colpa di Rubina. La prima cosa che mi sento di dirle è che rinunciare a un lavoro che si fa con passione non credo alla lunga porti soddisfazione e serenità nel cuore di una giovane mamma. Come abbiamo sottolineato anche durante il nostro recente Convivio a Roma, il lavoro è la principale sorgente di significati esistenziali. Attenzione a rinunciarvi. Oggi, poi, si guarda sempre con maggiore attenzione a nuove modalità di lavoro. Il lavoro diventa sempre più ‘smart’. Le nuove tecnologie e i nuovi comportamenti delle persone sanno cambiando il modo di lavorare. Le prime a beneficiarne, se l’azienda saprà instaurare un clima di fiducia e responsabilità, saranno le donne.

Di benessere organizzativo, smarter working, welfare aziendale, salute e benessere delle persone parleremo giovedì 26 a Milano. Trovate l’agenda a questo link: http://www.benessereorg.it/index.php/agenda-benessere-milano-2014/

Vi aspettiamo.